become a trauma for you


YouTube

YouTube

554910iscritti
68310026visualizzazioni video
 
  • UniusRei3 
    UniusRei3 ha pubblicato un commento 
    44 minuti fa
    [ you can not afford, That, this may one day become a trauma for you ] Yes Jesus is God, the son of the living God, worthy to be Praised: "I am the Alpha and the Omega , the beginning and the end who is . .. and who was and who is to come , the Almighty "(Rev 1,8 ). "Surely I am coming quickly" Amen. Even I know Jesus as Lord! ( Rev 22,:20 ). Jesus Christ is God, He is the Son of God. He is part of the holy trinity . God the Father, God the Son, and God the Holy Spirit! Jesus was not just man, He was God in human form. ( Ie ONLY ONE GOD)
  • UniusRei3 
    UniusRei3 ha pubblicato un commento 
    44 minuti fa
    [you can not afford , That, this may one day become a trauma for you ] John 1,29-34. If you believe in God, not trying to debate this issue but very curious as to what God are you referring to? Also I do not understand how Christianity is a religion of occupation . The term "christian" means Christ-like. Christians strive to be Christ-like. Romans 9,5 say Jesus is God's , Hebrews1 says the angels praise him ! and us " humans " not are going to? Even if you do not wan't: to the word of God: says you will have: to one day bow to your knees before Jesus
  • UniusRei3 
    UniusRei3 ha pubblicato un commento 
    53 minuti fa
    @JHWH my holy Allah, ecc.. --> Jesus is Lord! Jesus is the King of Glory! Jesus is the King of Kings! This is a very beautiful song. This love is for Jesus. All Glory to Jesus Christ.
  • vicmelgamer 
    vicmelgamer ha pubblicato un commento 
    57 minuti fa
    DEAR YOUTUBE, WHAT IS WITH THE NEW HOMEPAGE?!? NORMALLY, I HAD NO PROBLEM WITH THE LAST HOMEPAGE CHANGES, BUT THIS TIME, YOU WENT TOO FAR!!! THE BIGGEST ISSUE WITH THIS NEW LAYOUT IS THAT I CAN'T JUST CHECK ON UPLOADED VIDEOS ONLY FROM MY SUBSCRIBED CHANNELS!!! I'M ONLY FORCED TO SEE EVERY SINGLE ACTIVITY FROM EACH CHANNEL!!! THE ONLY WAY TO SEE UPLOADS ONLY IS BY CLICKING ON THE SUBSCRIBED CHANNEL AND DOING SO BY THERE!!! BEFORE, I SHOULDN'T HAVE TO DO THAT, I PREFER SEEING UPLOADS ONLY FROM THE EXACT HOMEPAGE!!!!!!!! I AM REALLY DISAPPOINTED!!!!
  • UniusRei3 
    UniusRei3 ha pubblicato un commento 
    1 ora fa
    so, not having: my mentally structured categories! I am forced to process the data, all the moral motives of virtue, that is, all the motives of the moral: always: in a rational way: through my personal relationship with God! But, God is a person and he wants a personal relationship with everyone here because it is essential, to build the Jewish temple! because its structure is a mirror to human nature (spirit, soul and body)
  • James Steal 
    James Steal ha pubblicato un commento 
    1 ora fa
    Why can't we comment on our own channels?
  • malcolmx117 
    malcolmx117 ha pubblicato un commento 
    1 ora fa
    Youtube should automatically get everyone as a subscriber.
  • UniusRei3 
    UniusRei3 ha pubblicato un commento 
    1 ora fa
    Synnek1 --- space, time, culture, fashions, trends, ideologies: Faiths: Identity: Nationality: races? all these things, do not make me a prisoner! because: I am a man without categories structured mental! here's why: I'm invincible! spazio; tempo; culture; mode; tendenze; ideologie: religioni: identità: nazionalità: razze? tutte queste cose, non fanno di me un prigioniero! perché: io sono un uomo senza categorie mentali strutturate! ecco perché: io sono invincibile!
  • UniusRei3 
    UniusRei3 ha pubblicato un commento 
    1 ora fa
    Synnek1 [(Satanism institutional THE CANNIBAL: THE MASONIC SYSTEM OF BANKing seigniorage: ie; ) Masonic dictatorial regime: for the violation of all the most important amendments of the Constitution: is why, since losing monetary sovereignty: mean turning: all the political prostitutes)] has posted a comment: 6 hours ago: THE BIGGEST THREAT = The goddamned ------------> UNIUSREI WAKE-UP! Sheeple! - ANSWER -> LOL. @ jews -> sorry, lol. ABOUT, YOU HELD ME: HOW THE king of the Jews: for Have Been Able to buy: my silence about the announcement of the Gospel? lol. honestly, I Have not Decided, yet: if, you do or not: the experience of 3 ° to War World, and nuclear, and revolutions and civil wars: all his related: that: the poor will be forced to do: Against: the richest, in all States!
  • Synnek1 
    Synnek1 ha pubblicato un commento 
    1 ora fa
    What happened to the playlists? They put me to sleep! Fix it! please? >;-)
  • Synnek1 
    Synnek1 ha pubblicato un commento 
    1 ora fa
    @UniusRei3: You dance to Hip-Hop music? You dress like an 1980's MC? Thick CABLE GOLD CHAIN, Dark Sunglasses, Kangaroo hat, Adidas Tennis shoes etc...and RAP about [GOD]? lol >;-)
  • UniusRei3 
    UniusRei3 ha pubblicato un commento 
    1 ora fa
    MarlaMarleen -- synnek1 knows very well that I do not hate anybody! and that I would not want to hurt anyone! He has the assurance of my love: because we are on this page from two years! however, is quite pathetic their obstinacy: to do the criminals Satanists, and criminal Freemasons, but, so I will see: that, extent to which: may be reached: their resistance to pain! synnek1 sa molto bene: che io non odio nessuno! e che io non vorrei fare del male a nessuno! lui ha la certezza del mio amore: perché noi siamo su questa pagina da due anni! tuttavia, è alquanto patetica la loro ostinazione: di rimanere i criminali massoni e i criminali satanisti: ma io vedrò : fino a che punto: potrà giungere: la loro resistenza al dolore!
  • UniusRei3 
    UniusRei3 ha pubblicato un commento 
    1 ora fa
    UniusRei3 has published a comment 1 week. ago [the stench of sulfur ] youtube IMF 666 CIA 322: Synnek1 ( : CIA is youtube master IMF) has published a comment: 1 hour ago : " WE WILL NEVER FORGET motherfucker! " - Answer -> Yes, I KNOW , " YOU ARE AN LEGION of demons " of failed! Because if you: (Satanists freemasonry) Were something of true value ? you would have Conquered the plane , Already too long ago! but, that's the truth: "You are the eternal losers ! " what I feel ? is just a terrible stench of dead bodies and burnt human flesh : because only for your: big ass broken : They may think : that the favor of Satan can be durable ! and now ? You have this whole page to show once again on: when you're an asshole ! YOUTUBE SHIT , DIRTY imf 666 - YOU ARE VULGAR ? It is BECAUSE YOU ARE LOSING ! you're a loser Because You're gross !
  • UniusRei3 
    UniusRei3 ha pubblicato un commento 
    1 ora fa
    hallelujah



Tuesday, February 16, 2010

New Weblog for The Voice of the Martyrs Canada



Dear blog readers,

As of today, The Voice of the Martyrs Canada has launched a new blog following the passing of VOMC's former C.E.O., Glenn Penner, who was largely responsible for managing this weblog site. We felt that a new space, a fresh forum, was needed to reconnect with you and dialogue with you about the persecuted Church.

So, we warmly invite you to check out our new blog today.

Thanks, and God bless!

-Adele Konyndyk and Erin Vandenberg

Wednesday, January 27, 2010

Glenn Penner passes on to glory

After a seven year struggle with cancer, Glenn Penner of The Voice of the Martyrs Canada went home to be with the Lord on the evening of January 26, 2010 at the age of 48.

Glenn first joined VOM-Canada in 1997. Klaas Brobbel, the Director of the mission at the time, recalls, "Looking back to August 1997 when we interviewed Glenn for the position of Development Director for The Voice of the Martyrs, I marvel at God’s goodness and timing to send Glenn our way. The mission was floundering and we needed help. Little could we have known the great work that Glenn would be able to pack into the nearly 12½ years of service to the Persecuted Church."

Barely five years after joining VOM-Canada, Glenn was diagnosed with Chronic Lymphocytic Leukemia. After undergoing chemotherapy, radiation treatment and a stem cell transplant, Glenn, his wife Denita, and their family decided not to pursue further treatment when the cancer returned. With confidence in God's provision, Glenn bravely continued to serve the Persecuted Church and strove to utilize the time God gave him to its fullest potential.

Merv Knight, Ambassador-at-Large with International Christian Association, of which VOM-Canada is an affiliate, reflected, "It is my privilege to have had a close association with VOM-Canada from its formative days. I have seen it move through various stages of change and growth. One of those positive changes came with the appointment in 2007 of Glenn Penner as C.E.O. Glenn was God’s man for the time."

Glenn had a particular passion for helping suffering believers to understand the biblical basis for their trials. His book, In the Shadow of the Cross, is an intensive study of the theology of persecution and discipleship which continues to be an invaluable resource to Christians worldwide who are suffering for Christ's sake. A gifted teacher, Glenn was blessed to be able to share his study with Christian leaders in religiously restricted and hostile nations in South America, Africa and Asia, as well as in seminaries and colleges in Europe and North America.

In January 2010, Glenn stepped down from the position of C.E.O. to allow him to serve more in line with the limitations and challenges of his condition. Corey Odden, who served for 10 years with VOM-USA, assumed the role of C.E.O. while Glenn became VOMC's Scholar-in-Residence/Executive Advisor.

Glenn's faithful dedication has inspired many – his family, the staff and supporters of VOM-Canada, international partners, and the many suffering Christians worldwide who have been touched by his service to them. As the mission moves forward into a new chapter, the staff is profoundly thankful to God for Glenn's example.

Greg Musselman, VOM-Canada's Chief Communications Officer, said, "I’ve known Glenn for the past 10 years and we worked together at VOM-Canada for seven. We travelled together overseas several times and worked on many video projects and newsletter articles about the Persecuted Church. I learned so much from him in the area of theology and church history and for that I will always be grateful. The rest of the team and I at VOM-Canada will strive to carry on his legacy as we serve the Persecuted Church."

VOM-Canada's Chief Operations Officer, Floyd Brobbel, added, "Words can never completely convey what Glenn meant to me and over the years ahead I will cherish the memories of my time with Glenn. The meetings, the travel, the laughter, the tears, the heated discussions, the planning, the practical jokes, and the list goes on to form a wonderful tapestry Glenn wove into my life. I would not change a thing because it all narrows to one word for me, and that is 'friend.'"

Friends and family of Glenn Penner are invited to celebrate his life and express condolences to his loved ones on Friday, January 29 at City Centre Baptist Church. The viewing will be held, the Lord willing, from 11:00 a.m. to 1:00 p.m., with the funeral beginning at 1:00 p.m. City Centre Baptist Church is located at 1075 Eglinton Avenue West in Mississauga, Ontario. A memorial service is planned for Saturday, February 6 at 1:00 p.m. at the Zion Evangelical Missionary Church in Didsbury, Alberta. Directions are available here. For more information, please phone 1.888.298.6423.


Friday, January 22, 2010

Prisoner of Tehran

As a subscriber to the CBC Radio's Between the Covers podcast, I am currently listening to a reading of Marina Nemat's memoir, Prisoner of Tehran. In the book, Marina recounts her arrest in 1982 at the age of 16 and her subsequent detention at Tehran's notorious Evin prison. Since we receive reports about Iranian Christians detained at Evin prison, this book immediately grabbed my attention. I hope it will help me have a fuller understanding of the conditions and challenges they face and how I can better pray for them.

You can watch a video interview below for more information about Marina Nemat:



Have you read Prisoner of Tehran? If so, please feel free to comment with your reactions to the book. Did you enjoy it? Would you recommend it to others?

Monday, January 18, 2010

Stand with Gao Zhisheng

The following report from VOMC partner ChinaAidshares the latest information on Gao Zhisheng, a Christian human rights lawyer who has endured much persecution from authorities. Please consider joining ChinaAid in raising a voice for Gao and his family by signing their petition. To sign today, and for other ways you can help, please visit their website at www.freegao.com.

Since mid-December, 2009, ominous rumors have circulated about Gao Zhisheng, hinting that he has died after brutal torture in prison. However, no reports have been confirmed, and the Chinese government continues to refuse comment on his condition and whereabouts. 

Gege, Gao's daughter, had been reportedly "pale and tired-looking" with worry for months. After hearing a rumor of Gao's death just before Christmas, Gege became so emotionally distraught, she was forced to be hospitalized. She remains fragile and under medical watch in a New York hospital. 


This week, after searching out the policeman who originally detained Gao Zhisheng back in February, 2009, Gao's brother Zhiyi was told that Attorney Gao allegedly "went missing while out on a walk" on September 25, 2009. Gao's wife refused to comment, but was reported to be extremely upset after hearing the news.

This is the first time a Chinese government official has hinted that they no longer have Gao Zhisheng in their custody, leading ChinaAid to believe Gao's condition has taken a turn for the worse.

"It is totally unacceptable for the Chinese government to lose track of their own prisoner," said President of ChinaAid Bob Fu. "It is absolutely clear that he was forcibly taken from his home in February 2009. Nearly a year later, the Chinese government now says they do not have him."

Though the rumors of death cannot be confirmed, Bob Fu remains extremely concerned for this new development.

"We have every reason to suspect that the Chinese government has something very serious to hide. Gao's family has every right to know what happened to him. It is unbelievable that a high security prisoner would go missing while "out on a walk," without suspecting that there is a major cover up of his condition."

The Chinese government can no longer hide their actions from the world and must be held accountable for their treatment of Gao Zhisheng. Now is the time to act!

Saturday, January 16, 2010

Reaching out to Haiti


5-e1263408803734At times like this, The Voice of the Martyrs is thankful that there are committed ministries whom we can refer to when our friends and supporters contact us asking how they they can reach out to when disasters take place like that taking place in Haiti.  As the suffering in Haiti is clearly not one of Christian persecution, The Voice of the Martyrs, as a ministry, will not proposing any projects for Haiti at this time (the only reason we might do so is if we learn that Christians are being discriminated against in the aid distribution and this seems unlikely in Haiti at this time, as persecution of any sort is rare there art other times).
Hence, we are pleased to refer you to other excellent ministries who are stepping up to effectively assist those in need in Haiti at this time.  The Voice of the Martyrs recommends treachouthe following ministries:
1. World Vision Canada
2. Compassion Canada
3. Samaritan’s Purse Canada
4. Health Partners International Canada
5. CRWRC
6. Your own denominational mission, if applicable.

Friday, January 15, 2010

Check out The new PersecutionTV!


image
Check out the radical new update of The Voice of the Martyrs’ multimedia website.  With more features and videos than ever before, this site is definitely the place to go for  video and audio reports on Christian persecution around the world.

Google Takes a Stand


google_logo5The following editorial appeared in today’s New York Times.  As an organization that devotes considerable time and effort in promoting religious freedom, we believe, Google’s actions in this are both laudatory and worth imitating.
January 14, 2010
Op-Ed Columnist

Google Takes a Stand

By NICHOLAS D. KRISTOF
It has been dispiriting to see America’s banks apparently stand for nothing more lofty than plunder. It has been demoralizing to see President Obama hiding from the Dalai Lama rather than offend China’s rulers.
So all that makes Google’s decision to stand up to Chinese cyberoppression positively breathtaking. By announcing that it no longer plans to censor search results in China, even if that means it must withdraw from the country, Google is showing spine — a kind that few other companies or governments have shown toward Beijing.
One result was immediate: Young Chinese have been visiting Google’s headquarters in Beijing to deposit flowers and pay their respects.
China promptly tried to censor the ensuing debate about its censorship, but many Chinese Twitter users went out of their way to praise Google. One from Guangdong declared: “It’s not Google that’s withdrawing from China, it’s China that’s withdrawing from the world.”
Cynics say that Google tried to turn a business setback (it lags in the Chinese market behind a local search engine, Baidu) into a bid to burnish its brand. Whatever the motivations, it marks a refreshing contrast to Yahoo assisting the Chinese government in sending four dissidents — Shi Tao, Li Zhi, Jiang Lijun and Wang Xiaoning — to prison for terms of up to 10 years.
“In the 20 years I’ve been doing this work, I can’t think of anything comparable,” said John Kamm, the founder of the Dui Hua Foundation, which has enjoyed remarkable success in encouraging China to release dissidents. Mr. Kamm, a former business leader himself, argues that Western companies could do far more to project their values.
Google announced its decision after a sophisticated Chinese attempt to penetrate the Gmail addresses of dissidents. The episode and the resulting flap highlight two important points about China.
The first is that Beijing is increasingly devoting itself to cyberwarfare. This is a cheap way to counter American dominance in traditional military fields. If the U.S. and China ever jostle with force, Beijing may hit us not with missiles but with cyberinfiltrations that shut down the electrical grid, disrupt communications and tinker with the floodgates of dams.
Moreover, China’s leaders aren’t keeping their cyberarsenal in reserve. They seem to be using it aggressively already.
A major coordinated assault on computers of the Dalai Lama, foreign embassies and even foreign ministries was uncovered last year and traced to Chinese hackers. The operation targeted computers in more than 100 countries and was so widespread that Western intelligence experts believe it was organized by the Chinese government, although there is no definitive proof of that.
(If this column is replaced on nytimes.com with one under my byline praising the glorious courage of the Chinese Communist Party in standing up to the bourgeois imperialists of Google — well, that would make my case.)
A second point is that China is redrawing the balance between openness and economic efficiency. The architect of China’s astonishingly successful economic reforms, Deng Xiaoping, clenched his teeth and accepted photocopiers, fax machines, cellphones, computers and lawyers because they were part of modernization.
Yet in the last few years, President Hu Jintao has cracked down on Internet freedoms and independent lawyers and journalists. President Hu is intellectually brilliant but seems to have no vision for China 20 years from now. He seems to be the weakest Chinese leader since Hua Guofeng was stripped of power in 1978.
Instead, vision and leadership in China have come from its Netizens, who show none of the lame sycophancy that so many foreigners do. In their Twitter photos, many display yellow ribbons to show solidarity with Liu Xiaobo, a Chinese writer recently sentenced to 10 years in prison. That’s guts!
China’s Netizens scale the Great Firewall of China with virtual private networks and American-based proxy servers like Freegate. (The United States should support these efforts with additional server capacity as a way of promoting free information and undermining censorship by China and Iran).
Young Chinese also are infinitely creative. When the government blocks references to “June 4,” the date of the Tiananmen Square massacre, Netizens evade the restriction by typing in “May 35.”
When I lived China in the 1990s, an early computer virus would pop up on the screen and ask: Do you like Li Peng? (He was then the widely disliked hard-line prime minister.) If you said you didn’t like Li Peng, the virus disappeared and did no harm. If you expressed support for him, it tried to wipe out your hard drive.
Eventually, I think, a combination of technology, education and information will end the present stasis in China. In a conflict between the Communist Party and Google, the party will win in the short run. But in the long run, I’d put my money on Google.
 For further comment from other media sources click here or here

Thursday, January 14, 2010

Living in the shadow of the martyrs


Yesterday a young Vietnamese Catholic priest was ordained as a bishop in Toronto. His ordination was significant not primarily because he is only 26 years old, making him Canada’s youngest bishop or because he is Canada’s first non-white bishop. Rather, what makes his ordination so significant, in my opinion, is the fact that Bishop Vincent Nguyen has grown up in the shadow of martyrdom.
In the 19th century, 21-year-old Joseph Can Nguyen was arrested for being a Christian.  His executioners tied him to a post in the river and waited for the tide to rise.  Every now and then, at their leisure, they would wade out to Joseph to see if he would recant his faith.  He consistently refused until finally he drowned.
This story of courage and faith has been a legacy of the Nguyen family ever since.
It is in this sense that the blood of the martyrs has served to embolden following generations.  Remembering his faith and courage, the Nguyen family has continued to follow Christ faithfully both in Vietnam and in Canada.  At the age of 16, Vincent dreamed of being a priest but saw no chance of that happening in communist Vietnam.  Risking his life, he and several others boarded a rickety fishing boat hoping to sail for freedom to follow his passion for Christ.
By God’s grace, he survived, culminating in yesterday’s ordination.
As Christians, we all live in the shadow of the martyrs.  Hebrews 13:7 calls us to observe the lives of those leaders who have walked the path of martyrdom and to follow their example.  This legacy is essential if we are to walk faithfully as they did.  This is why we tell the stories of the martyrs in our monthly newsletter.  A task with a God-given mandate, valuable in it’s own right, even if we were to never suggest ways of providing aid.
Oddly enough, there are more admonitions to remember the martyrs in scripture than there are admonitions for advocacy or providing practical aid.  Could it be that the former is more essential to the survival of the faith than the later?

Tuesday, January 12, 2010

Urgent Prayer Requested for Hostages in Yemen


Middle East Concern has released the following report concerning six Christians who have been held hostage in Yemen since June 12.  Please join us in praying for this situation requiring urgent prayer.
Greetings in the name of Jesus, who came that all may have life.
In recent months we have requested prayer following the kidnapping on Friday 12th June of nine foreigners in Saada, north-west Yemen, three of whom were murdered shortly afterwards. Recall that those missing are a German couple, their three children, and a British man.
We are pleased to report that a Yemeni government official has announced that the government has seen proof that the missing six are alive. Precise details have not been disclosed. However, a recent video showing the three young children has been confirmed. This has led some to speculate that the children are being held separately from the adults.
The government has given assurances that, together with German and British investigators, it is continuing to work for their release.
Christians in Yemen give praise for these signs of hope and request our continued prayers that:
a.  The missing six will know the peace and presence of Jesus and will be released unharmed shortly
b.  They will receive enough healthy food and keep warm during the cold nights
c.  If separated, the three children will be reunited with their parents soon
d.  Efforts to negotiate their release will be successful
e.  The families and colleagues of those missing and murdered will know the peace of Jesus amidst the intense uncertainty
f.  Efforts to end the violence in Saada province will be successful and the root causes addressed
g.  All expatriate Christians in Yemen will know the Lord's guiding and protecting at this time, in particular in view of the latest AlQaeda threats
h.  The perpetrators will be convicted by the Spirit and drawn to the forgiveness, love and true life offered by Jesus.
We encourage you to post prayers on our Persecuted Church Prayer Wall as a means on expressing your solidarity with them and their family during this time.  We will keep you up to date as to the status of the hostages asnegotiations for their freedom continue.

Keeping the faith in the shadow of persecution

In Egypt, converts to Christianity are facing a number of challenges for refusing to deny their faith in Jesus and embrace Islam. They can be rejected from their families and communities, harassed by authorities and even imprisoned. Some believers remain in the country, despite such difficult conditions, and some flee out of fear for their lives. The following article is the story of an Egyptian Christian man who was arrested, beaten and jailed for his conversion from Islam to Christianity:

Keeping the faith in the shadow of persecution

ANDRA JACKSON

FOR the past two years, ''Mina'' has regularly phoned his mother in Egypt. But the 36-year-old is so scared for the safety of his family here and in Egypt that he has not told her he lives in Australia, instead letting her believe he is in the United States.
It is a fiction devised out of fear that Egypt's security police will track him down or persecute his family in Egypt in retaliation for defying them and fleeing the country.
What brought Mina to their attention was his conversion at age 21 to the Coptic Orthodox Christian faith, which meant turning his back on Islam, the dominant, state-sanctioned religion.
He was arrested and beaten numerous times, then thrown in a room with Islamic radical prisoners who were encouraged to beat him, his Melbourne lawyer, Jimmy Morcos, said.
Mina is one of 70,000 Coptic Orthodox Christians who have fled persecution in Egypt and resettled in Australia since 1971, according to their bishop in Victoria, Bishop Suriel.
He is also one of 12,000 people expected to march to the Egyptian consulate in the city tomorrow to protest over the killing of six Coptic Orthodox Christians in a drive-by shooting in Egypt last month.
The killings are the latest in a catalogue of attacks on Copts in Egypt dating back more than a decade. Even now, the climate of fear is so strong that Mina refuses to publicly reveal his real name for fear of repercussions.
Australia granted him a humanitarian visa in 2003 but Egyptian authorities seized his passport and stopped him from leaving the country six times.
He said he was eventually taken to a prison.
''I saw a person with a blindfold over his eyes and he was hit and there was shouting and he was as taken to a dark place,'' he said.
Mina said he was told this would happen to him if he did not recant, and that leaving Islam was ''a big crime''.
He had to report to the security officials every week to rethink his stance.
In 2007, a way was found to get him to Australia to rejoin his wife and children who had left ahead of him.
Mr Morcos said that international pressure needed to be brought on Egypt to guarantee the human rights of Copts, who make up 18 per cent of the country's population.
Bishop Suriel said the protest would also call on the Australian Government to break its silence on the attacks on Copts in Egypt which has drawn wide condemnation round the world, including from the Pope.

Sunday, January 10, 2010

Study shows that U.S. has failed to assist Christians in China due to financial interests


In another example of the improving coverage of Christian persecution by the Canadian secular media, the National Post published an excellent article on Thursday on the how the United States has lost a major opportunity to help improve the plight of Christians in China by putting financial interests first, according to the author of a new report on religious freedom.
"It's terribly inconsistent. It's a real black eye in American foreign policy for us to turn a blind eye to the human rights abuses going on in China while we pursue economic advantage," Carl Moeller, head of Open Doors USA, said yesterday.
"It's like selling our birthright. Our nation was founded by people fleeing Europe to seek the very religious freedom being denied people in these countries.
"In the case of China, the chance to use influence is now gone. The American economy has become enslaved to the Chinese banks. It would be economic suicide to make threats now."
His remarks came as the California non-denominational Christian group issued its World Watch List, which ranks 50 countries in terms of their abuse of Christians.
North Korea, an official atheist state that worships its supreme leader, was the most fanatically anti-Christian, followed by Iran, Saudi Arabia and Somalia. China was No. 13.
"They [North Korea] have arrested and tortured Christians in various horrible ways, such as sometimes using them as a means of testing biological or chemical weapons," the report said.
Mr. Moeller said getting reliable information from North Korea is difficult, but over the years his group has made contact with enough people "on the ground" to believe these extreme reports are accurate.
He said many of the countries, especially those at the top of the list, are so politically isolated from the West the best that can be hoped is the report will give moral support to those facing bigotry and violence.
Other top offenders were: Somalia The report says Somali Christians "practise their faith in secret under extremely dangerous conditions. At least 10 Christians, including four teachers, were killed for their faith in 2008 and several others kidnapped and raped. Islam is the official religion; there is no legal provision for religious freedom." Yemen "Converts from Islam encounter opposition from the authorities and extremist groups who threaten 'apostates' with death if they do not turn back to Islam."
Mr. Moeller was particularly scathing about Saudi Arabia, which has strong military ties with the United States.
"Saudi Arabia is our ally and they are horrific when it comes to religious liberty," he said.
"[In general], Western governments are not doing enough to combat anti-religious activity."
Religious oppression is a global issue and not just restricted to Christians, Mr. Moeller acknowledged. But pointing out discrimination against Christians is an efficient way to point to the greater issue of religious liberty.
"Evangelicals are becoming a litmus test for human rights abuses in these countries. How Christians are treated in Iran is a good litmus test about how [Iranians] do on human rights overall."
In December, the Washington-based Pew Forum on Religion & Public Life, which has no religious affiliation, produced a massive report called Global Restrictions on Religion. This looked at government restrictions and social hostility against religious groups.
The two-year study found 64 countries -- about one-third of all nations -- had "high or very high restrictions on religion."
"But because some of the most restrictive countries are very populous, nearly 70% of the world's 6.8 billion people live in countries with high restrictions on religion, the brunt of which falls on religious minorities."
Brian Grim, a senior researcher at Pew, said in those 64 countries minorities are constantly exposed to violence or imprisonment. Even those not persecuted directly find their civil liberties restricted.
clewis@nationalpost.com---------
WORLD'S TOP 10 ANTI-CHRISTIAN REGIMES
1. North Korea
2. Iran
3. Saudi Arabia
4. Somalia
5. Maldives
6. Afghanistan
7. Yemen
8. Mauritania
9. Laos
10. Uzbekistan
The National Post is perhaps the best example of secular press organizations here in Canada in covering religious liberty and Christian persecution but they are hardly alone.  Others have also shown marked improvement in recent years, in my opinion. Could there be further improvement?  Undoubtedly; but almost any special interest group would probably say the same. Let’s be grateful for the coverage being given and let editors know that we appreciate their coverage.
Also, continue to pray for the U.S. administration as they fail to assist Christians in China due to their financial priorities.  Pray for the Canadian government as it has faced similar pressures but, to this point, has resisted stepping off of the human rights wagon in the pursuit of international trade with China.

Saturday, January 09, 2010

Kidnap victims reported still alive in Yemen


AFP reported on Thursday that the five Germans, including three children, and a British national who have been held by kidnappers in Yemen for the past six months are still alive, a top official said on Thursday. According to the report:
anthony_s_yemen1_thumb[2]"We have confirmed information that they are still alive. They are five Germans and a British national," said Rashad al-Aleemi, the deputy prime minister for defence and security affairs.
"The three possible places they could be in are [the provinces of] Maarib, Al-Jouf and Saada. Available information confirm that there is coordination between the [northern Shi'ite rebels] Huthis and the Al Qaeda in this matter.
"It is believed that the three children, who were shown in a recent video, are alive in Maarib, while the elders are being used by the Huthis [to provide] medical treatment."
johannes_h_fam_yemen_thumb[1]The three children had resurfaced in a new video two weeks ago but the tape featured no sign of their parents. All were kidnapped in June.
German officials who requested anonymity had confirmed a report in the daily Bild saying the images, apparently recorded recently by the abductors, indicated at least that the three children aged one, three and five were still alive.
The German government now has a copy of the video, Bild said in December.
"The children seemed exhausted," a high-ranking German official was quoted by the newspaper as saying, as the German government declined to comment.
The family of five and the Briton were abducted in northern Yemen along with two German Bible students and a South Korean who were shot dead soon after.
The Yemeni government had repeatedly accused the Huthi rebels of being behind the kidnapping, a charge they denied, charging that the government was behind their disappearance to use it as an excuse to attack them.
Since August, the army has been engaged in an all-out offensive against the Zaidi Shi'ite rebels in the Saada northern province and its surrounding, in a bid to end their five year rebellion.
[click here for a collaborating AP report and here for a Channel 4 report]
Pray that these reports are true.  Pray for the hostages during this time.  Show your solidarity with them by posting a prayer request on our Persecuted Church Prayer Wall for them and their family.

Don’t ban the burka


We would love to get your opinion on this editorial from today’s National Poston this highly controversial subject.  Please leave your comment below, remembering that they need to be moderated before they will be posted
woman-with-burka_64French legislators are considering a measure that would impose a fine of more than $1,000 on women who wear a burka, a garment that covers Muslim women from head to foot, with a thin, gauzy slit for the eyes.
The government maintains the ban would be a statement in support of “French values,” which, as appears to be endlessly the case in France, are the subject of much public debate. Burkas have been denounced as “a walking coffin” and “a prison for women.” President Nicolas Sarkozy last year declared the burka a “sign of subservience and debasement.”
We share this abhorrence for such clothing: The burka signifies the notion that a woman is a piece of male property, which must be packaged and caged. Contrary to received wisdom, the use of burkas has no “traditional” basis in Islam. It is a vestige of primitive tribal practices from certain parts of the Middle East and Asia, where honour killings are common, and female sexuality is a subject of phobic paranoia.
Still, banning burkas is not the right way to battle the sexist ideas that burkas symbolize. In our society, women have a right to wear what they want, assuming they choose to do so of their own free will.
If women are being forced to wear the burka, that is unacceptable, of course. But even in such cases, the crime lies in the coercion, not the clothing. If radical Muslims forced their wives to memorize the Koran on pain of beating, we wouldn’t ban the Koran — we’d throw the husbands in jail. The same principle should hold with burkas.
Western liberalism means, among other things, the right to dress, eat, pray, and speak as we please. And so the government’s role in the burka debate should be to educate all immigrant cultures, including those that are Muslim, that women have every right to behave as they wish, whether or not it pleases their fathers, brothers or imams.
If a woman understands this fact, and still chooses to go around in a burka, well, so be it. Being free means having the right to make bad decisions.



Martedì 16 febbraio 2010

Weblog per The New Voice of the Martyrs Canada



Cari lettori del blog, A partire da oggi, The Voice of the Martyrs Canada ha lanciato un nuovo blog a seguito della scomparsa dell'ex amministratore delegato di VOMC, Glenn Penner, che era in gran parte responsabile per la gestione di questo sito weblog. Abbiamo ritenuto che un nuovo spazio, un forum fresco, è stato necessario per ristabilire il contatto con voi e con voi il dialogo sulla Chiesa perseguitata. Così, abbiamo calorosamente invitiamo a controllare il nostro nuovo blog di oggi. Grazie, e Dio vi benedica! -Adele Konyndyk e Erin Vandenberg








Mercoledì 27 Gennaio 2010

Glenn Penner passa alla gloria

Dopo una lotta con il cancro sette anni, Glenn Penner di The Voice of the Martyrs Canada è andato a casa per stare con il Signore la sera del 26 gennaio 2010 all'età di 48 anni.Glenn entrato a far parte VOM-Canada nel 1997. Klaas Brobbel, il direttore della missione, al momento, ricorda, "Guardando indietro al mese di agosto 1997, quando abbiamo intervistato Glenn per la carica di direttore dello sviluppo di The Voice of the Martyrs, mi meraviglio di bontà di Dio e dei tempi di mandare il nostro modo Glenn. La missione si dibatteva e abbiamo bisogno di aiuto. piccolo avremmo potuto conoscere il grande lavoro che Glenn sarebbe in grado di confezionare nei quasi 12 anni e mezzo di servizio alla Chiesa perseguitata. " Appena cinque anni dopo l'adesione VOM-Canada, Glenn è stato diagnosticato un La leucemia linfocitica cronica. Dopo essere stati sottoposti a chemioterapia, radioterapia e trapianto di cellule staminali, Glenn, sua moglie Denita, e la loro famiglia ha deciso di non proseguire il trattamento ulteriormente quando il cancro restituito. Con fiducia nella fornitura di Dio, Glenn coraggiosamente continuato a servire la Chiesa perseguitata e si sforzò di utilizzare il tempo che Dio gli ha dato il suo pieno potenziale. Merv Knight, Ambassador-at-Large con la International Christian Association, di cui VOM-Canada è un affiliato, riflette, "E 'mio privilegio di aver avuto una stretta collaborazione con VOM-Canada dai suoi giornate formative. ho visto muoversi attraverso varie fasi di cambiamento e di crescita. Uno di questi cambiamenti positivi è venuto con la nomina nel 2007 di Glenn Penner come CEO Glenn era l'uomo di Dio per il tempo. " Glenn avuto una passione particolare per aiutare i credenti che soffrono per capire la ragione biblica per le loro prove. Il suo libro, L'ombra della croce , è un intenso studio della teologia della persecuzione e discepolato che continua ad essere una risorsa inestimabile per tutto il mondo i cristiani che soffrono per amore di Cristo. Un insegnante di talento, Glenn è stato benedetto per essere in grado di condividere il suo studio con i leader cristiani nei paesi religiosamente ristrette e ostile in Sud America, Africa e Asia, come pure nei seminari e nelle università in Europa e Nord America. Nel gennaio 2010, Glenn passo giù dalla carica di Amministratore Delegato per consentirgli di servire più in linea con i limiti e le sfide della sua condizione. Corey Odden, che ha servito per 10 anni con VOM-USA, ha assunto il ruolo di Amministratore Delegato, mentre Glenn divenne consigliere di Scholar-in-Residence/Executive VOMC. dedizione fedele Glenn ha ispirato molti - la sua famiglia, lo staff ei sostenitori della VOM-Canada, partner internazionali, e dei tanti cristiani che soffrono in tutto il mondo che sono stati toccati dal suo servizio a loro. Come la missione si muove in avanti in un nuovo capitolo, il personale è profondamente grato a Dio per esempio Glenn. Greg Musselman, Direttore VOM-Canada Communications, ha dichiarato: "Ho conosciuto Glenn negli ultimi 10 anni e abbiamo lavorato insieme a VOM -Canada per sette anni. Abbiamo viaggiato insieme all'estero diverse volte e ha lavorato su progetti video e newsletter molti articoli sulla Chiesa perseguitata. Ho imparato così tanto da lui nel campo della teologia e storia della chiesa e per questo sarò sempre grato. il resto della squadra e io a VOM-Canada si impegnerà a portare avanti la sua eredità quando serviamo la Chiesa perseguitata ". Delegato VOM-Canada Operations, Floyd Brobbel, ha aggiunto, "Le parole non possono mai completamente trasmettere ciò Glenn significato per me e sulla anni a venire io conservo dei ricordi del mio tempo con Glenn. Gli incontri, i viaggi, le risate, le lacrime, le accese discussioni, la progettazione, gli scherzi, e la lista potrebbe continuare a formare un meraviglioso arazzo intessuto Glenn nel mio vita. Io non cambierei nulla perché restringe tutto in una sola parola per me, e questo è 'amico'. " Amici e parenti di Glenn Penner sono invitati a celebrare la sua vita e condoglianze espresso ai suoi cari su Venerdì 29 Gennaio al City Centre Baptist Church. La visione si terrà, la volontà Signore, dalle ore 11:00 alle ore 1:00, con l'inizio funerale alle 1:00 pm Baptist Church City Centre si trova al 1075 Eglinton Avenue West in Mississauga, Ontario. Un servizio commemorativo è previsto per Sabato 6 Febbraio alle 01:00 presso la Chiesa Evangelica Zion Church Missionary in Didsbury, Alberta. Indicazioni sono disponibili qui. Per ulteriori informazioni, si prega di telefonare 1.888.298.6423.




















Venerdì 22 Gennaio 2010

Prisoner of Tehran

Gli abbonati alla CBC Radio è tra il podcast Covers , attualmente sto ascoltando una lettura delle memorie di Marina Nemat, il Prigioniero di Teheran . Nel libro, Marina racconta il suo arresto nel 1982 all'età di 16 anni e la sua successiva detenzione al famigerato carcere di Evin di Teheran. Poiché riceviamo notizie di cristiani iraniani detenuti nella prigione di Evin, questo libro subito afferrato la mia attenzione. Spero che mi aiuterà a avere una comprensione più completa delle condizioni e delle sfide che devono affrontare e come posso meglio a pregare per loro. È possibile guardare una video-intervista qui sotto per ulteriori informazioni su Marina Nemat: Hai lettoPrisoner of Tehran ? Se è così, non esitate a commentare con le vostre reazioni al libro. Ti è piaciuto? Ti consiglio ad altri?






Lunedi, January 18, 2010

Stand con Gao Zhisheng

Il seguente rapporto da partner VOMC ChinaAidcondivide le ultime informazioni su Gao Zhisheng, cristiano, avvocato dei diritti umani che ha sopportato persecuzioni da parte delle autorità.Ti consigliamo di unirsi ChinaAid nella raccolta di una voce per Gao e la sua famiglia firmando la loro petizione. Per firmare oggi, e per altri modi si può aiutare, si prega di visitare il loro sitowww.freegao.com.

Da metà dicembre 2009, sono circolate voci inquietanti su Gao Zhisheng, lasciando intendere che è morto dopo brutali torture in carcere. Tuttavia, non sono stati confermati i rapporti, e il governo cinese continua a rifiutare il commento sulla sua condizione e il luogo. 

Gegè, la figlia di Gao, era stato riferito, "pallida e stanca", con preoccupazione per mesi. Dopo aver ascoltato la voce della morte di Gao poco prima di Natale, Gegè è diventato così emotivamente sconvolta, è stata costretta a essere ricoverato in ospedale. Lei rimane fragile e sotto vigilanza medica in un ospedale di New York. 


Questa settimana, dopo aver cercato il poliziotto che inizialmente arrestato Gao Zhisheng nel febbraio 2009, il fratello di Gao Zhiyi è stato detto che l'avvocato Gao presumibilmente "scomparso mentre fuori per una passeggiata" il 25 settembre 2009. La moglie di Gao ha rifiutato di commentare, ma è stato segnalato per essere estremamente sconvolto dopo aver sentito la notizia. Questa è la prima volta che un funzionario del governo cinese ha lasciato intendere che non hanno più Gao Zhisheng in loro custodia, portando ChinaAid a credere condizione di Gao ha preso una piega per il peggio. "E 'assolutamente inaccettabile per il governo cinese a perdere traccia del loro prigioniero", ha detto il presidente della ChinaAid Bob Fu. "E 'assolutamente chiaro che è stato strappato con la forza dalla sua casa nel febbraio 2009. Quasi un anno dopo, il governo cinese ora dice che non lo hanno." Anche se le voci della morte non può essere confermata, Bob Fu rimane estremamente preoccupato per questo nuovo sviluppo. "Abbiamo tutte le ragioni per sospettare che il governo cinese ha qualcosa di molto grave da nascondere. famiglia di Gao ha tutto il diritto di sapere cosa è successo a lui. E 'incredibile che un detenuto ad alta sicurezza sarebbe andato mancare, mentre" fuori per una passeggiata ", senza sospettare che ci sia una copertura importante up della sua condizione." Il governo cinese non può più nascondere le loro azioni dal mondo e deve essere ritenuto responsabile per il loro trattamento di Gao Zhisheng. Ora è il momento di agire!










Sabato, 16 gennaio 2010

Raggiungere i Haiti


5-e1263408803734In momenti come questo, The Voice of the Martyrs è grato che ci sono ministeri impegnati quali possiamo fare riferimento a quando i nostri amici e sostenitori contattateci chiedendo come si può raggiungere, quando avvengono disastri come quello in atto ad Haiti. Come la sofferenza ad Haiti non è chiaramente uno della persecuzione cristiana, The Voice of the Martyrs, come un ministero, non proporre eventuali progetti per Haiti in questo momento (l'unica ragione che potrebbe farlo è che se veniamo a sapere che i cristiani sono discriminati contro la distribuzione degli aiuti, e questo sembra improbabile ad Haiti in questo momento, la persecuzione di qualsiasi tipo, è raro lì volte altre arti).
Pertanto, siamo lieti di fare riferimento ad altri ministeri eccellenti che stanno intensificando per assistere in modo efficace chi ne ha bisogno ad Haiti in questo momento. La Voice of the Martyrs raccomanda t ReachOutegli seguenti ministeri:
1. World Vision Canada
2. compassione Canada
3. Samaritano Purse Canada
4. Salute Partners International Canada
5. CRWRC
6. La tua missione confessionale, se applicabile.

Venerdì, 15 gennaio 2010

Scopri il nuovo PersecutionTV!


immagine
Scopri l'aggiornamento radicalmente nuovo di The Voice of sito web multimediale Martiri '. Con più funzioni e filmati che mai, questo sito è sicuramente il posto dove andare per i report video e audio sulla persecuzione dei cristiani in tutto il mondo.

Google prende posizione


google_logo5L'editoriale seguente apparso oggi sul New York Times . Come organizzazione che dedica molto tempo e sforzi per promuovere la libertà religiosa, crediamo, le azioni di Google in questo sono sia elogiativo, e vale la pena imitare.
14 gennaio 2010
Op-Ed Columnist

Google prende posizione

Con Nicholas D. Kristof
E 'stato deprimente vedere l'America le banche a quanto pare stanno per niente di più nobile che saccheggiare. E 'stato demoralizzante per vedere il presidente Obama nascosto dal Dalai Lama per non offendere i governanti cinesi.
Quindi tutto ciò che rende la decisione di Google di stare fino a cyberoppression cinese positivamente mozzafiato. Annunciando che non ha più intenzione di censurare i risultati della ricerca in Cina, anche se questo significa che deve ritirarsi dal paese, Google sta mostrando colonna vertebrale - un genere che poche altre aziende o governi hanno dimostrato verso Pechino.
Un risultato è stato immediato: i giovani cinesi hanno visitato la sede di Google a Pechino per depositare fiori e rendergli omaggio.
La Cina prontamente cercato di censurare il successivo dibattito sulla sua censura, ma molti utenti cinesi di Twitter è andato fuori del loro modo di lodare Google. Uno da Guangdong ha dichiarato: "Non è Google che è il ritiro dalla Cina, è la Cina che si era ritirato dal mondo."
I cinici dicono che Google ha cercato di trasformare una battuta d'arresto di business (che ritardi nel mercato cinese dietro un motore di ricerca locale, Baidu) in un tentativo di lustrare la sua marca.Qualunque siano le motivazioni, segna un contrasto rinfrescante a Yahoo assistere il governo cinese a inviare quattro dissidenti - Shi Tao, Li Zhi, Jiang Lijun e Wang Xiaoning - in carcere per periodi fino a 10 anni.
"In 20 anni ho fatto questo lavoro, non posso pensare a qualcosa di simile", ha dichiarato John Kamm, fondatore della Fondazione Dui Hua , che ha goduto di notevole successo in incoraggiare la Cina a rilasciare i dissidenti. Mr. Kamm, un business leader ex sé, sostiene che le compagnie occidentali potrebbero fare molto di più per proiettare i propri valori.
Google ha annunciato la sua decisione dopo un tentativo sofisticato cinese di penetrare gli indirizzi Gmail di dissidenti. L'episodio e il lembo risulta evidenziare due punti importanti sulla Cina.
La prima è che Pechino è sempre più dedicandosi alla guerra cibernetica. Questo è un modo economico per contrastare il dominio americano nei tradizionali campi militari. Se gli Stati Uniti e la Cina sempre jostle con forza, Pechino non ci può colpire con i missili, ma con cyberinfiltrations che spengono la rete elettrica, interrompere le comunicazioni e armeggiare con le paratoie delle dighe.
Inoltre, i leader cinesi non stanno mantenendo la loro cyberarsenal in riserva. Sembrano essere già utilizzando in modo aggressivo.
Un assalto coordinato importante nei computer del Dalai Lama, ambasciate e ministeri, anche stranieri è stato scoperto lo scorso anno e risalire a hacker cinesi. L'operazione di mira i computer in oltre 100 paesi ed è stata così diffusa che gli esperti di intelligence occidentali ritengono che sia stata organizzata dal governo cinese, anche se non vi è alcuna prova definitiva di ciò.
(Se questa colonna è sostituito nytimes.com con uno sotto la mia firma lodando il coraggio gloriosa del Partito comunista cinese in piedi fino agli imperialisti borghesi di Google -. bene, che renderebbe il mio caso)
Un secondo punto è che la Cina sta ridisegnando l'equilibrio tra l'apertura e l'efficienza economica. L'architetto delle riforme sorprendente successo della Cina economici, Deng Xiaoping, strinse i denti e accettate fotocopiatrici, fax, cellulari, computer e avvocati perché facevano parte di modernizzazione.
Eppure, negli ultimi anni, il presidente Hu Jintao ha usato le libertà di Internet e gli avvocati indipendenti e giornalisti. Il presidente Hu è intellettualmente brillante, ma sembra non avere una visione per la Cina 20 anni da oggi. Egli sembra essere la più debole dal leader cinese Hua Guofeng fu spogliato del potere nel 1978.
Invece, la visione e la leadership in Cina sono venuti dai suoi Netizens, che mostrano nessuna delle servilismo zoppo che gli stranieri fanno tanti. Nella loro foto su Twitter, molti nastri gialli di visualizzazione per mostrare solidarietà con Liu Xiaobo, uno scrittore cinese di recente condannato a 10 anni di carcere. Questo è coraggio!
Cina Netizens scalare il Grande Firewall della Cina con reti private virtuali e server proxy americano-based come Freegate . (Gli Stati Uniti dovrebbero sostenere questi sforzi con la capacità del server aggiuntivo come un modo per promuovere l'informazione libera e minando la censura da Cina e Iran).
Giovani cinesi sono anche infinitamente creativo. Quando i riferimenti governo blocchi a "4 giugno" la data del massacro di piazza Tiananmen, Netizens eludere la restrizione digitando "35 maggio".
Quando vivevo in Cina nel 1990, un virus primi computer si solleva sullo schermo e chiedo: Ti piace Li Peng? (Fu poi la diffusa antipatia linea dura primo ministro.) Se hai detto che non piaceva Li Peng, il virus è scomparso e non ha fatto male. Se hai espresso il suo sostegno per lui, ha cercato di cancellare il disco rigido.
Alla fine, credo, una combinazione di tecnologia, l'educazione e l'informazione finirà la stasi presente in Cina. In un conflitto tra il Partito Comunista e Google, il partito vincerà nel breve periodo. Ma nel lungo periodo, avevo messo i miei soldi su Google.
 Per ulteriori commenti da altre fonti di informazione cliccate qui o qui

Giovedi, January 14, 2010

Vivere all'ombra dei martiri


Ieri un giovane prete cattolico vietnamita è stato ordinato vescovo a Toronto.La sua ordinazione è stata significativa non è in primo luogo perché ha solo 26 anni, facendo di lui più giovane vescovo del Canada o perché è il Canada il primo non bianco vescovo. Piuttosto, ciò che rende la sua ordinazione così significativo, a mio parere, è il fatto che Mons. Vincent Nguyen è cresciuto all'ombra del martirio.
Nel 19 ° secolo, 21 anni, Joseph Nguyen Can è stato arrestato per essere un cristiano. I suoi carnefici lo legarono a un palo nel fiume aspettando che la marea a salire. Ogni tanto, a loro piacimento, avrebbero guadare fuori a Giuseppe per vedere se si sarebbe rinnegare la sua fede. Ha sempre rifiutato fino a quando finalmente è annegato.
Questa storia di coraggio e di fede è stato un lascito della famiglia Nguyen allora.
E 'in questo senso che il sangue dei martiri è servita a incoraggiarci generazioni successive. Ricordando la sua fede e il coraggio, la famiglia Nguyen ha continuato a seguire fedelmente Cristo, sia in Vietnam e in Canada. All'età di 16 anni, Vincent sognato di essere un sacerdote, ma non vide alcuna possibilità che questo accada nel comunista Vietnam. Rischiando la sua vita, lui e molti altri a bordo di un battello da pesca traballante sperando di partire per la libertà di seguire la sua passione per Cristo.
Per grazia di Dio, lui è sopravvissuto, che si conclude con l'ordinazione di ieri.
Come cristiani, viviamo tutti all'ombra dei martiri. Ebrei 13:07 ci invita ad osservare la vita di quei leader che hanno percorso il sentiero del martirio e seguire il loro esempio. Questa eredità è essenziale se vogliamo camminare fedelmente come hanno fatto. È per questo che raccontano le storie dei martiri del nostro mensile newsletter . Un'attività con una data da Dio mandato, prezioso in suo pieno diritto, anche se dovessimo suggerire mai modo di fornire aiuti.
Stranamente, ci sono più ammonizioni per ricordare i martiri nelle Scritture che ci sono gli ammonimenti di difesa o di fornire un aiuto pratico. Potrebbe essere che il primo è più essenziale per la sopravvivenza della fede che il dopo?

Martedì 12 Gennaio 2010

Preghiera Urgente richiesta per gli ostaggi in Yemen


Medio Oriente Concern ha rilasciato la seguente relazione riguardante sei cristiani che sono stati tenuti in ostaggio nello Yemen dal 12 giugno. Unitevi a noi nella preghiera per questa situazione che richiede preghiera urgente.
Saluti nel nome di Gesù, venuto perché tutti abbiano la vita.
Negli ultimi mesi abbiamo chiesto la preghiera dopo il rapimento Venerdì 12 giugno di nove stranieri in Saada, nello Yemen nord-ovest, tre dei quali sono stati uccisi poco dopo. Ricordiamo che coloro che manca sono una coppia di tedeschi, i loro tre figli, e un uomo britannico.
Siamo lieti di comunicare che un funzionario del governo yemenita ha annunciato che il governo ha avuto la prova che i dispersi sono sei vivo. I dettagli precisi non sono stati divulgati. Tuttavia, un recente video che mostra i tre bambini piccoli è stata confermata. Ciò ha portato alcuni ad ipotizzare che i bambini sono detenuti separatamente dagli adulti.
Il governo ha assicurato che, insieme con gli investigatori tedeschi e inglesi, sta continuando a lavorare per la loro liberazione.
Cristiani in Yemen lodare per questi segni di speranza e di richiedere le nostre preghiere continue che:
a. La mancanza sei conoscerà la pace e la presenza di Gesù e sarà rilasciato a breve incolumi
b. Essi riceveranno abbastanza cibo sano e tenere al caldo durante la stagione fredda notte
c. Se separati, i tre figli saranno riunite con i loro genitori presto
d. Gli sforzi per negoziare il loro rilascio avrà successo
e. Le famiglie ei colleghi di quelli mancanti e ucciso conoscerà la pace di Gesù in mezzo l'incertezza intensa
f. Gli sforzi per porre fine alla violenza nella provincia di Saada avrà successo e le cause indirizzata
g. Tutti i cristiani espatriati in Yemen si conosce il Signore che guida e proteggere in questo momento, in particolare in vista delle ultime minacce alqaeda
h. Gli autori saranno condannati dallo Spirito e disegnate per il perdono, l'amore e la vera vita offerta da Gesù.
Ti invitiamo a postare le preghiere sul nostro muro della chiesa perseguitata La preghiera come mezzo per esprimere la vostra solidarietà con loro e la loro famiglia in questo periodo. Vi terremo aggiornati per quanto riguarda la condizione degli ostaggi, come negoziati per la loro libertà di continuare .

Mantenere la fede all'ombra della persecuzione

In Egitto, si converte al cristianesimo di fronte a una serie di sfide per aver rifiutato di rinnegare la loro fede in Gesù e abbracciare l'Islam. Essi possono essere respinti dalle loro famiglie e comunità, oggetto di vessazioni da parte delle autorità e persino imprigionato. Alcuni credenti rimanere nel paese, nonostante le condizioni così difficili, e alcuni fuggono per la paura per la loro vita. Il seguente articolo è la storia di un uomo egiziano cristiano che è stato arrestato, picchiato e incarcerato per la sua conversione dall'islam al cristianesimo:

Mantenere la fede all'ombra della persecuzione

ANDRA JACKSON 

Negli ultimi due anni,'''' Mina ha regolarmente telefonato sua madre in Egitto. Ma il 36-year-old è così spaventata per la sicurezza della sua famiglia qui e in Egitto, che non l'ha detto che vive in Australia, invece che lasciarla credere di essere negli Stati Uniti.
Si tratta di una finzione ideato per paura che l'Egitto la polizia di sicurezza lo rintracciare e perseguitare la sua famiglia in Egitto, in rappresaglia per sfidare loro e fuggire dal paese.
Che cosa ha portato alla loro attenzione Mina era la sua conversione a 21 anni alla fede cristiana ortodossa copta, il che significa voltando le spalle sull'Islam, la dominante, approvata dallo stato, la religione.
Fu arrestato e picchiato numerose volte, poi gettato in una stanza con i prigionieri islamici radicali che sono stati incoraggiati a picchiarlo, il suo avvocato Melbourne, Jimmy Morcos, ha detto.
Mina è una delle 70.000 cristiani copti ortodossi che hanno abbandonato la persecuzione in Egitto e reinsediati in Australia dal 1971, in base al loro vescovo nel Victoria, il Vescovo Suriel.
E 'anche una delle 12.000 persone che dovrebbero marciare verso il consolato egiziano nella città di domani per protestare contro l'uccisione di sei cristiani copti ortodossi in una sparatoria in Egitto il mese scorso.
Gli omicidi sono gli ultimi in un catalogo di attacchi contro copti in Egitto, risalenti a più di un decennio. Anche ora, il clima di paura è così forte che Mina si rifiuta di rivelare pubblicamente il suo vero nome per timore di ripercussioni.
Australia, gli ha concesso un visto umanitario nel 2003, ma le autorità egiziane sequestrato il passaporto e lo fermò di lasciare il paese sei volte.
Ha detto che finalmente è stato portato in una prigione.
'' Ho visto una persona con una benda sugli occhi e lui è stato colpito e ci urlava e lui era così portato in un luogo oscuro,'' ha detto.
Mina ha detto che è stato detto che questo sarebbe accaduto se non avesse ritrattato, e che lascia l'Islam, era'' a'' grande crimine.
Doveva riferire ai funzionari della sicurezza ogni settimana a ripensare la sua posizione.
Nel 2007, è stato trovato un modo per farlo in Australia per raggiungere la moglie ei figli che avevano lasciato davanti a lui.
Mr Morcos ha detto che la pressione internazionale richiesto per essere portato l'Egitto a garantire i diritti umani dei copti, che costituiscono il 18 per cento della popolazione del paese.
Vescovo Suriel ha detto la protesta anche chiedere al governo australiano a rompere il silenzio sugli attacchi copti in Egitto, che ha tratto tutto il mondo condanna larga, anche dal papa.

Domenica 10 Gennaio, 2010

Studio dimostra che gli Stati Uniti non è riuscito ad aiutare i cristiani in Cina a causa di interessi finanziari


In un altro esempio di migliorare la copertura della persecuzione cristiana da parte dei media canadesi secolari, il National Post ha pubblicato un articolo eccellente Giovedi sul come gli Stati Uniti hanno perso una grande opportunità per contribuire a migliorare la situazione dei cristiani in Cina, mettendo gli interessi finanziari prima , secondo l'autore di un nuovo rapporto sulla libertà religiosa.
"E 'terribilmente inconsistente. Si tratta di un vero e proprio occhio nero nella politica estera americana per noi a chiudere un occhio sulle violazioni dei diritti umani in corso in Cina, mentre perseguiamo vantaggio economico," Carl Moeller, responsabile di Open Doors USA, ha detto ieri.
"E 'come vendere il nostro diritto di nascita. La nostra nazione è stata fondata da persone in fuga l'Europa a cercare la stessa libertà religiosa negata la gente in questi paesi.
"Nel caso della Cina, la possibilità di utilizzare influenza è ormai andato. L'economia americana è diventato schiavo delle banche cinesi. Sarebbe un suicidio economico per rendere le minacce adesso".
Le sue osservazioni è venuto come il non-confessionale California gruppo cristiano ha pubblicato la sua World Watch List, che classifica 50 paesi in termini di abuso di cristiani.
Corea del Nord, un ateo ufficiale di Stato che adora il suo leader supremo, è stato il più fanaticamente anti-cristiana, seguita da Iran, Arabia Saudita e Somalia. Cina era No. 13.
"Loro [la Corea del Nord] hanno arrestato e torturato i cristiani in vari modi orribili, come a volte li utilizzano come mezzo di sperimentazione di armi biologiche o chimiche", afferma il rapporto.
Moeller ha detto Mr. ottenere informazioni attendibili dalla Corea del Nord è difficile, ma nel corso degli anni il suo gruppo ha preso contatto con la gente abbastanza "sul campo" per credere a queste voci estreme sono accurate.
Ha detto che molti dei paesi, specialmente quelli in cima alla lista, sono così politicamente isolato dall'Occidente il meglio che si può sperare è la relazione fornirà un sostegno morale per coloro che devono affrontare il fanatismo e la violenza.
Altri trasgressori top sono: Somalia Il rapporto dice che i cristiani somali "praticare la loro fede in segreto, in condizioni estremamente pericolose Almeno 10 cristiani, tra cui quattro insegnanti, sono stati uccisi per la loro fede nel 2008 e molti altri rapita e violentata Islam è la religione ufficiale.. , non vi è alcuna disposizione di legge per la libertà religiosa ". Yemen "Converte dall'opposizione incontro Islam da parte delle autorità e dei gruppi estremisti che minacciano 'apostati' con la morte se non tornare all'Islam."
Mr. Moeller era particolarmente feroce su Arabia Saudita, che ha forti legami militari con gli Stati Uniti.
"L'Arabia Saudita è il nostro alleato e sono terribili quando si tratta di libertà religiosa", ha detto.
"[In generale], i governi occidentali non stanno facendo abbastanza per combattere l'anti-attività religiosa".
L'oppressione religiosa è un problema globale e non solo limitato ai cristiani, il signor Moeller riconosciuto. Ma sottolineando la discriminazione contro i cristiani è un modo efficace per puntare alla questione maggiore libertà religiosa.
"Gli evangelici stanno diventando una cartina di tornasole per violazioni dei diritti umani in questi paesi. Come cristiani sono trattati in Iran è una buona cartina di tornasole su come [iraniani] do sui diritti umani in generale."
Nel mese di dicembre, con sede a Washington Pew Forum on Religion & Public Life, che non ha alcuna affiliazione religiosa, ha prodotto una relazione massiccia chiamata Restrizioni globali sulla religione. Questo guardò le restrizioni del governo e l'ostilità sociale nei confronti di gruppi religiosi.
I due anni di studio ha trovato 64 paesi, circa un terzo di tutte le nazioni - ". Restrizioni elevata o molto elevata sulla religione" avevano
"Ma perché alcuni dei paesi più restrittivi sono molto popolosa, quasi il 70% del mondo 6,8 miliardi di persone vivono in paesi con restrizioni elevate sulla religione, il peso di che cade sulle minoranze religiose".
Brian Grim, ricercatore senior presso Pew, ha detto che in quei 64 paesi minoranze sono costantemente esposte alla violenza o con la reclusione.Anche quelli non direttamente perseguitati trovare le loro libertà civili limitato.
clewis@nationalpost.com---------
WORLD'S TOP 10 ANTI-CHRIS TIAN REGIMI
1. Corea del Nord
2. Iran
3. Arabia Saudita
4. Somalia
5. Maldives
6. Afghanistan
7. Yemen
8. Mauritania
9. Laos
10. Uzbekistan
Il National Post è forse il miglior esempio di organizzazioni laiche stampa qui in Canada per coprire la libertà religiosa e la persecuzione dei cristiani, ma non sono le uniche. Altri hanno anche mostrato notevole miglioramento negli ultimi anni, a mio parere. Potrebbe esserci un ulteriore miglioramento? Senza dubbio, ma quasi tutte le Special Interest Group probabilmente direbbe lo stesso. Cerchiamo di essere grati per la copertura viene dato e far redattori sapere che apprezziamo la loro copertura.
Inoltre, continuare a pregare per l'amministrazione statunitense, che non riescono ad aiutare i cristiani in Cina a causa delle loro priorità finanziarie.Pregate per il governo canadese ha affrontato simili pressioni, ma, a questo punto, ha resistito un passo fuori del carro dei diritti umani nel perseguimento del commercio internazionale con la Cina.

Sabato 9 gennaio 2010

Vittime dei rapimenti ha riferito ancora vivo in Yemen


AFP ha riferito il Giovedi che i cinque tedeschi, tra cui tre bambini, e un cittadino britannico che sono stati tenuti da rapitori in Yemen negli ultimi sei mesi sono ancora in vita, un alto funzionario ha detto Giovedi. Secondo il rapporto:
anthony_s_yemen1_thumb [2]"Abbiamo confermato le informazioni che sono ancora vivi. Sono cinque tedeschi e un cittadino britannico", ha detto al-Rashad Aleemi, il Vice Primo Ministro per la difesa e gli affari della sicurezza.
"I tre luoghi possibili che potrebbero essere in sono [le province di] Maarib, Al-Jouf e Saada. Le informazioni disponibili confermano che vi sia un coordinamento tra i ribelli sciiti del nord [] Huthi e di Al Qaeda in questa materia.
"Si ritiene che i tre bambini, che sono state mostrate in un video recente, sono vivi in ​​Maarib, mentre gli anziani vengono utilizzati dagli Huthi [fornire] cure mediche."
johannes_h_fam_yemen_thumb [1]I tre bambini erano riemerse in un nuovo video di due settimane fa, ma il nastro presenti alcun segno dei loro genitori. Tutti sono stati rapiti in giugno.
Funzionari tedeschi che hanno chiesto l'anonimato aveva confermato un rapporto del quotidiano Bild dicendo che le immagini, apparentemente registrate di recente dai sequestratori, indicata almeno che i tre figli di età compresa tra uno, tre e cinque erano ancora vivi.
Il governo tedesco ha ora una copia del video, Bild ha detto in dicembre.
"I bambini sembravano esausti," un alto ufficiale tedesco è stato citato dal quotidiano come dire, come il governo tedesco ha rifiutato di commentare.
La famiglia di cinque persone e il britannico sono stati rapiti nel nord dello Yemen insieme a due studenti tedeschi della Bibbia e un sud-coreano, che sono stati uccisi poco dopo.
Il governo yemenita aveva ripetutamente accusato i ribelli Huthi di essere dietro il rapimento, una carica hanno negato, accusando il governo era dietro la loro scomparsa per usarlo come una scusa per attaccarli.
Dal mese di agosto, l'esercito è stato impegnato in una vera e propria offensiva contro i ribelli sciiti Zaidi nel nord della provincia di Saada e dintorni, nel tentativo di porre fine alla loro ribellione cinque anni.
clicca qui per un AP Collaborazione relazione e qui per un rapporto di 4 Channel]
Pregate che queste relazioni sono vere. Pregate per gli ostaggi in questo periodo. Mostra la vostra solidarietà con loro inviando una richiesta di preghiera sul nostro muro della chiesa perseguitata preghiera per loro e la loro famiglia.

Non vietare il burka


Ci piacerebbe avere la vostra opinione su questo editoriale di oggi del National Post su questo argomento molto controverso. Si prega di lasciare il vostro commento qui sotto, ricordando che hanno bisogno di essere moderati prima che vengano pubblicate
donna-con-burka_64Legislatori francesi stanno pensando di misura che imporrebbe una multa di più di $ 1.000 per le donne che indossano il burka, un indumento che copre le donne musulmane dalla testa ai piedi, con un sottile, gauzy fessura per gli occhi.
Il governo mantiene il divieto sarebbe una dichiarazione a sostegno di "valori francesi", che, come sembra essere senza fine nel caso della Francia, sono oggetto di gran dibattito pubblico. Burka è stato denunciato come "una bara ambulante" e "una prigione per le donne." Il presidente Nicolas Sarkozy lo scorso anno ha dichiarato il burka "segno di sottomissione e degradazione."
Condividiamo questa avversione per l'abbigliamento quali: Il burka significa l'idea che una donna è un pezzo di proprietà maschile, che deve essere confezionato e messo in gabbia. Contrariamente a quanto si pensa, l'uso di burqa non ha alcun fondamento "tradizionale" nell'Islam.Si tratta di una traccia di primitive pratiche tribali provenienti da alcune parti del Medio Oriente e in Asia, dove i delitti d'onore sono comuni, e la sessualità femminile è un argomento di paranoia fobica.
Tuttavia, il divieto di burqa non è il modo giusto per combattere le idee sessiste che simboleggiano burka. Nella nostra società, le donne hanno il diritto di indossare ciò che vuole, ammesso che scelgono di farlo di loro spontanea volontà.
Se le donne sono costrette ad indossare il burka, che è inaccettabile, naturalmente. Ma anche in tali casi, il reato sta nel coercizione non, gli indumenti. Se i musulmani radicali costretti loro mogli a memorizzare il Corano a pena di percosse, non avremmo bandire il Corano - che avevamo gettare i mariti in prigione. Lo stesso principio dovrebbe tenere con il burka.
Liberalismo occidentale significa, tra le altre cose, il diritto di vestirsi, mangiare, pregare e parlare come ci pare. E così il ruolo del governo nel dibattito burka dovrebbe essere quello di educare tutte le culture degli immigrati, inclusi quelli che sono musulmani, che le donne hanno tutto il diritto di comportarsi come vogliono, se sia o non piace loro padri, fratelli o gli imam.
Se una donna capisce questo fatto, e sceglie ancora di andare in giro in un burka, beh, così sia. Essere liberi significa avere il diritto di prendere decisioni sbagliate.






Opera fondata da Richard Wurmbrand
MISSIONE PER LA CHIESA PERSEGUITATA
La Missione per la Chiesa Perseguitata  è un’opera interconfessionale associata alla International Christian Association (ICA) e rappresentata mondialmente.
La Missione per la Chiesa Perseguitata è stata fondata nel 1969 dal pastore romeno Richard Wurmbrand che ha trascorso oltre 14 anni di prigionia e di tortura nelle carceri comuniste del suo paese a motivo della sua fede cristiana . Troverai la sua storia in calce.
La Missione per la Chiesa Perseguitata svolge un'attività con scopi unicamente umanitari, religiosi, e di beneficienza e si prefigge di raggiungere principalmente il seguente programma:
  • Aiuti materiali umanitari ai cristiani di tutte le denominazioni perseguitati per la loro fede nei paesi privi di libertà.
  • Distribuzione di Bibbie, Vangeli e altra letteratura cristiana, trasmissioni radio e televisive nei Paesi ex comunisti, comunisti e musulmani nelle loro rispettive lingue.
  • Diffusione della Bibbia e altra letteratura cristiana ai comunisti e ai musulmani del mondo libero.
  • Informazione e sensibilizzazione dell'opinione pubblica in occidente mediante: distribuzione di libri, stampati, giornali Uomini Nuovi, cassette, video; organizzazione di conferenze; servizio stampa.
AFGHANISTAN ALGERIA ARABIA SAUDITA AZERBAIGIAN BANGLADESH BHUTAN BRUNEI CINACOMORE COREA DEL NORD CIPRO  CUBA EGITTO INDIA INDONESIA IRAN IRAQ KUWAIT LAOS LIBIA MALAYSIA MALDIVE MAROCCO MAURITANIA BIRMANIA NEPAL NIGERIA OMAN PAKISTAN QATAR SIRIA SOMALIA SRI LANKA SUDAN TAGIKISTAN TIBET TUNISIA TURCHIA TURKMENISTAN UZBEKISTAN VIETNAM YEMEN EMIRATI ARABI
 PANORAMICA AGGIORNATA
nel giornale Uomini Nuovi 
Richiedi, leggi e divulga ilgiornale Uomini Nuovi
contenente il
Notiziario Dalla Chiesa Perseguitata

Rev. Richard Wurmbrand (1909 - 2001)
Il pastore Richard Wurmbrand, fondatore della Missione per la Chiesa Perseguitata, è andato con il Signore il 17 febbraio 2001 a Torrance, California, in seguito a lunga malattia.
Richard, il minore di quattro figli di una famiglia ebrea, nacque a Bucarest, in Romania, il 24 marzo 1909. Poco dopo il padre, un dentista,  si trasferì con la famiglia in Turchia per esercitare la professione a Istanbul.
Alla morte del padre, avvenuta in seguito a una epidemia di influenza nel 1919, la famiglia, divenuta estremamente indigente, fece ritorno in Romania. Richard, intellettualmente dotato, padrone di diverse lingue, ebbe una giovinezza tempestosa, fu attivo in politica con la sinistra e lavorava come agente di cambio quando incontrò e poi sposò Sabina Oster il 26 ottobre 1936.
Nello stesso anno, durante un periodo di vacanze sui monti della Romania, la coppia ebrea incontrò un carpentiere tedesco che mise una Bibbia nelle loro mani. Scarsamente istruito e incapace di rispondere alle loro domande, questo carpentiere non fece molto di più che esortare i due giovani, istruiti, intellettuali ebrei a prendersi il tempo di leggere almeno uno dei quattro vangeli, in essenza una breve biografia della più nota personalità del popolo ebraico: Gesù Cristo.
Sabina e Richard incontrarono altri ebrei cristiani, si convertirono e furono battezzati. Si unirono alla missione anglicana per gli ebrei a Bucarest, in Romania.
Richard, oratore pieno di carisma, fu ordinato dapprima ministro di culto anglicano e in seguito, dopo la seconda guerra mondiale, venne ordinato anche ministro luterano. Il loro unico figlio, Mihai, nacque nel 1939.
A causa della dichiarazione di guerra fatta dalla Romania contro la Gran Bretagna e altre potenze occidentali all’inizio della seconda guerra mondiale, la missione anglicana dovette lasciare il paese.
Il reverendo Richard e sua moglie Sabina, senza preoccuparsi della sicurezza della famiglia e dei propri beni, continuarono impavidi e senza tregua un’intensa opera missionaria cristiana clandestina. Richard e sua moglie vennero arrestati diverse volte dal governo nazista. Richard iniziò il suo ministero clandestino evangelizzando soldati russi prigionieri di guerra.
I coniugi Wurmbrand salvarono dal ghetto numerosi bambini ebrei, predicarono quotidianamente nei rifugi antiaerei e vennero arrestati molte volte per attività cristiane clandestine durante lo stato di guerra. Almeno una volta si trovarono a un passo dalla fucilazione per ordine di un tribunale militare romeno che non tollerava né comprendeva che due ebrei divenuti cristiani e altri ebrei cristiani conducessero attività cristiane clandestine mentre la Romania era in guerra.
Dopo l’agosto del 1944 continuò il suo ministero tra le forze d’occupazione sovietiche. Egli e Sabina furono attivi nell’opera con la chiesa clandestina, non registrata, in Romania durante la seconda guerra mondiale e nel corso del regime comunista.
I Wurmbrand, sebbene amati e rispettati da molte personalità cristiane ortodosse romene, scamparono alla condanna solo grazie all’intervento del caporedattore
del principale quotidiano romeno dell’epoca.
I genitori di Sabina, due sorelle e un fratello perirono nei massacri operati dai nazisti. Anche Isaac Feinstein, un influente ebreo cristiano all’origine della conver­sione dei Wurmbrand, morì per mano dei legionari nazisti romeni.
La vita durante quegli anni  è descritta nel libro di Richard VIA DEGLI EBREI una testimonianza, frammento di una vita consumata dall’amore e centrata unicamente sul Cristo.
Nel periodo immediatamente successivo alla seconda guerra mondiale e alla trasformazione della Romania in uno stato comunista (1945-1947), il reverendo Wurmbrand stampò un milione di vangeli in russo e ne organizzò la distribuzione clandestina tra le truppe d’occupazione sovietiche. Fu pastore di una chiesa di mille membri, in gran parte ebrei convertiti.
Nel febbraio del 1948, dopo il congresso sui culti, il reverendo Wurmbrand pur sotto la protezione diplomatica svedese, fu rapito in strada dalle autorità romene e imprigionato nell’area carceraria sotterranea dell’edificio del Ministero degli Interni al centro di Bucarest e scomparve nel sistema carcerario comunista. In vista di un processo farsa fu tenuto segregato in cella d’isolamento per quasi tre anni sotto falso nome. Mentre era lì subì tentativi di lavaggio del cervello, tortura fisica e mentale con minacce alla sua famiglia.
Nel 1950 fu imprigionata anche sua moglie Sabina, costretta a lavorare come operaia nel progetto del canale del Danubio. Intanto Mihai, il figlio undicenne, abbandonato a sé stesso, fu aiutato da una credente, ma fra tante difficoltà a causa della ferrea sorveglianza della Polizia Segreta. Il ragazzo era spesso costretto a cercare il suo cibo nella spazzatura. Sabina venne rilasciata nel 1953 e dopo il suo rilascio le autorità romene la informarono che Richard era morto in carcere.
Richard fu scoperto vivo in carcere da un dottore camuffato da membro del partito comunista. Venne rilasciato nel 1956 e assegnato dal governo comunista come pastore di una chiesa di Orsova. Rifiutò l’offerta perché avrebbe dovuto fungere da informatore della polizia. Durante questo periodo lavorò ancora con la chiesa clandestina. Fu arrestato di nuovo nel 1959 e condannato a 25 anni per aver predicato parole della Bibbia contrarie alla dottrina comunista.
A causa di crescenti pressioni politiche da parte di paesi occidentali fu rilasciato nel 1964. Fu in quell’anno che il governo comunista concesse ai cristiani norvegesi di riscattare Richard Wurmbrand e la sua famiglia dietro pagamento.
Nel dicembre del 1965 la Missione Norvegese per gli Ebrei e l’Alleanza Cristiana Ebraicapagarono 10.000 dollari statunitensi di riscatto al governo comunista affinché la famiglia Wurmbrand potesse lasciare la Romania. Era oltre cinque volte il prezzo standard richiesto per i prigionieri politici.
Sebbene riluttante a lasciare la Romania, Richard fu convinto da altri responsabili della chiesa clandestina a partire e a diventare una "voce" della chiesa clandestina per il mondo. Così Richard, Sabina e il loro figlio Mihai lasciarono la Romania.
Nel dicembre del 1965 i Wurmbrand giunsero a Oslo, in Norvegia e, non comprendendo il norvegese, seguirono il primo culto domenicale alla chiesa luterana americana. Colpiti dalla libertà di adorazione piansero in modo incontrollabile per tutta la durata del servizio. Il reverendo Myrus Knutson, il ministro di quella chiesa, spinto da profonda compassione aprì generosamente la sua casa alla famiglia dei rifugiati e al contempo controllò la veridicità di quegli strani racconti di sofferenze e di torture interpellando l’ambasciata statunitense. I suoi contatti risposero: "Pienamente attendibile" e così Richard Wurmbrand fu invitato a parlare alla principale riunione nella cappella della base NATO di Oslo. L’incontro era aperto alle domande, così il colonnello cappel­lano Cassius Sturdy chiese al pastore Wurmbrand perché l’occidente non dovrebbe provare a coesistere con il comunismo. Wurmbrand, sempre schietto nel suo comportamento, scese velo­cemente dal pulpito, prese il portafoglio dalla tasca del colonnello e rispose: "Ho preso i tuoi soldi, i tuoi soldi sono nella mia tasca. Adesso coesistiamo!" Spiegò poi che era naturale che il comunismo volesse coesistere dopo aver occupato mezzo mondo. Potrebbe non esserci una soluzione per il cancro, ma nessuno ha deciso di coesistere con il cancro e così un compro­messo con il comunismo non è possibile. Ogni ladro vorrebbe coesistere con la polizia, ma è una cosa inaccettabile. Il colonnello Sturdy si alzò in piedi e disse: "Signori, mandiamo quest’uomo negli Stati Uniti a prendere il portafoglio a tutti quelli di sinistra e ad aprire loro gli occhi". Infatti venne fatta una colletta sul posto e nel giro di un mese fu organizzato per Wurmbrand un giro di conferenze.
Arrivato solo a New York Wurmbrand scoprì che gli incontri erano stati organizzati in massima parte in piccole cappelle militari, quindi programmò il suo rientroimmediato per mancanza di riscontri. Raggiunse tuttavia Filadelfia per far visita al solo amico che conosceva negli Stati Uniti, un ministro di culto ebreo cristiano. L’amico lo scoraggiò dal cercare di restare negli Stati Uniti perché troppo anziano e troppo fragile per guidare una chiesa e concluse: "Non sarai in grado di guadagnarti un salario". Richard chiese all’amico di mostrargli un po’ della città.
Accadde che proprio quel giorno aveva luogo a Filadelfia il più grande raduno contro la guerra del Vietnam, raduno che aveva come massimo oratore per la sinistra un ministro di culto presbiteriano. Fermatosi per curiosità ad ascoltare, dopo sei minuti e tre secondi Wurmbrand raggiunse il microfono e gridò: "Voi non sapete niente del comunismo, mentre io sono un dottore in co­munismo. Dovreste stare dalla parte delle vittime del comunismo invece di difenderne gli aguzzini".
"Come fa a essere un dottore in comunismo?" fu la reazione sarcastica.
"Ecco le mie credenziali", rispose Wurmbrand togliendosi la camicia e mostrando le profonde cicatrici che le torture gli avevano lasciato sul corpo. La polizia condusse via Richard chiedendogli di rivestirsi, ma i giornalisti non si lasciarono sfuggire l’occasione di scattare drammatiche fotografie e fare interviste. Il giorno dopo i principali quotidiani degli Stati Uniti e anche qualche testata estera uscirono con la foto in prima pagina del ministro di culto che mostrava le cicatrici inflitte dalle torture. Così fioccarono richieste di interviste e di conferenze che convinsero il reverendo Wurmbrand a prolungare la sua permanenza negli Stati Uniti.
Nel maggio del 1966 testimoniò di fronte al sottocomitato per la sicurezza interna del senato degli Stati Uniti. Nei tre anni successivi la sua testimonianza fu la più venduta tra le pubblicazioni del governo statunitense.
Richard Wurmbrand immigrò negli Stati Uniti insieme con la famiglia nel novembre del 1966. Mantenne la promes­sa di divenire la "voce" della chiesa clandestina romena e nell’ottobre del 1967 pubblicò il primo numero del notiziario "Voice of the Martyrs" e cominciò a fondare gli uffici internazionali che lo avrebbero aiutato a informare i cristiani del mondo libero sui cristiani perseguitati. Alla fine degli anni ottanta la sua opera era attiva in oltre 80 nazioni oppresse.
Il libro di Richard Wurmbrand TORTURATO PER CRISTO descrive questa fase della sua vita nei minimi particolari.Nel 1990 Richard e Sabina tornarono in Romania dopo 25 anni di esilio. In seguito fu redatto il commovente libro DALLA TORTURA AL TRIONFO.
Richard si ritirò dal lavoro giornaliero per la Missione per la Chiesa Perseguitata nel 1992, ma continuò a viaggiare e a tenere conferenze fin dopo il suo ottantacinquesimo compleanno e fu membro del consiglio direttivo e consulente fino alla sua morte. Sua moglie Sabina morì in data 11 agosto 2000.
Le attività della Missione per la Chiesa Perseguitata (Voice of the Martyrs) e l’intensa attività  di conferenziere di Richard Wurmbrand hanno attirato efficacemente l’attenzione del mondo sulla condizione dei cristiani dimenticati.
Wurmbrand ha tenuto conferenze nella maggior parte dei paesi del mondo libero e ha rilasciato molte influenti interviste televisive. Il messaggio di Wurmbrand è sempre stato: "Odiate i sistemi malvagi, ma amate i persecutori e cercate di convertirli a Cristo".
Fede profonda, acume e intelligenza pronta conferivano a Wurmbrand una personalità calda. Leader cristiani di tutto il mondo lo hanno definito martire vivente e "Paolo della cortina di ferro".
Nel corso del suo ministero il reverendo Richard Wurmbrand scrisse libri in inglese e altri ancora in romeno che sono stati tradotti in oltre 50 lingue. Il suo libro più noto, TORTURATO PER CRISTO, narra delle sue esperienze carcerarie. Ha ricevuto numerosi riconoscimenti e citazioni per la sua opera. Il suo contributo all’opera del cristianesimo continuerà attraverso il suo lascito di missioni stabilite in tutto il mondo e la visione che egli ha trasmesso ai loro responsabili.
La Missione per la Chiesa Perseguitata è un ministero cristiano non denominazionale che provvede Bibbie, letteratura e assistenza a cristiani perseguitati in nazioni comuniste, ex comu­niste e oppresse e, dopo il crollo del comunismo in Russia, l’opera a favore dei cristiani nei paesi musulmani. La missione ha rami in oltre 35 paesi del mondo libero. Il quartiere generale dellaMissione per la Chiesa Perseguitata (Voice of the Martyrs) diretto dal pastore Tom White, è situato a Bartesville, Oklahoma U.S.A.
Ricordiamo con grande commozione Sabina e Richard Wurmbrand che ci hanno preceduti nella Casa del Padre Celste. Siamo riconoscenti al Signore per loro, perché hanno faticato senza risparmio di sacrificio a favore dei perseguitati e sofferenti per la fede. Possiamo ben dire di loro: benché morti essi parlano ancora!
Essi hanno lasciato a noi una vera sfida, quella di servire il Re dei Re, il Signore Gesù Cristo, e di amare la sua chiesa anche quella perseguitata.
Rev. Dr Giuseppe E. LaisoDirettore della Missione per la Chiesa Perseguitata in Italia

Richiedi, leggi e divulga ilgiornale Uomini Nuovi
contenente il
Notiziario Dalla Chiesa Perseguitata
ITALIA 
UOMINI NUOVI
21030 MARCHIROLO (Varese)
Tel (0332) 723.007  -  Fax (0332) 99 80 80
CCP 521 211 intestato a Uomini Nuovi, Marchirolo (Varese)

SVIZZERA 
Associazione Missionaria
UOMINI NUOVI
Via Cantonale 42
CH - 6982 LUGANO-AGNO
Tel. (0041 91) 604.59.84
CCP 69-5330-2 intestato a Uomini Nuovi, Lugano-Agno